13.01.2017 PATENTINO IDONEITA' FORESTALE

                   Il Patentino di idoneità forestale è richiesto oltre che alle ditte che

                  utilizzano soprassuoli di Enti pubblici anche a quelle che, in

                  proprietà privata, effettuano tagli uguali o superiori ai 100 metri

                  cubi oppure tagli di superfici uguali o maggiori ai 2,5 ettari in boschi

                  cedui.

                   Il rilascio del Patentino di idoneità forestale è subordinato alla

                  presentazione, da parte dell'interessato, di una apposita modulistica

                  che comprende i seguenti documenti:

                  - Domanda, in carta legale

                  - Certificato di iscrizione alla Camera di Commercio

                  comprendente la dicitura antimafia oppure dichiarazione

                  sostitutiva sottoscritta dall'interessato.

                  - Relazione tecnica, redatta da un tecnico qualificato, che contiene

                  la descrizione del possesso dei requisiti, con particolare riferimento

                  alla consistenza e adeguatezza del parco macchine in dotazione

                  all'impresa, al grado di formazione professionale degli addetti e alla

                  conoscenza delle norme di settore.

                  - Marca da bollo per il rilascio del Patentino.

                  La richiesta va presentata al Dirigente del Servizio nella cui

                  giurisdizione risiede l'interessato.
                  Il Patentino di idoneità forestale ha validità di 3 anni ed è

                  rinnovabile per periodi di corrispondente durata.

 

 

03.11.2016 CONTROLLO FUNZIONALE E REGOLAZIONE IRRORATRICI

                    E' Obbligatorio il controllo funzionale per tutte le attrezzature

                   utilizzate per la distribuzione dei prodotti fitosanitari, secondo le

                   seguenti scadenze:

                   - entro il 26/11/2016 tutte le attrezzature utilizzate a scopi

                   professionali devono essere sottoposte al controllo;

                   - l’intervallo tra i controlli non deve superare i 5 anni fino al 31

                   dicembre 2020, e i tre anni per le attrezzature controllate

                   successivamente a tale data;

                   - le attrezzature nuove acquistate dopo il 26 novembre 2011 sono

                   sottoposte al primo controllo funzionale entro cinque anni dalla

                   data di acquisto (inteso come “primo acquisto”, ossia

                   dell’attrezzatura nuova);

                   - le attrezzature utilizzate da contoterzisti devono essere

                   controllate ogni due anni, ed entro due anni dall’acquisto.

                   Il PAN elenca le attrezzature soggette all’obbligo del controllo; si

                   tratta della generalità delle irroratrici usate per i trattamenti alle

                   colture arboree, erbacee, nelle serre e per uso extra-agricolo.

                   Per maggiori informazioni contattaci allo 0423/952314 o 

                   all'indirizzo info@mvmenegon.it

31.12.2015 REVISIONE OBBLIGATORIA DELLE MACCHINE AGRICOLE

                   È disposta la revisione generale, con periodicità di cinque anni,  

                   delle seguenti macchine agricole:

                   A.  trattori agricoli;

                   B.  macchine agricole operatrici semoventi a due o più assi

                   C.  rimorchi agricoli aventi massa complessiva a pieno carico

                        superiore a 1,5 tonnellate, se le  dimensioni d’ingombro

                        superano i 4,00 metri di lunghezza e 2,00 metri di larghezza.

                   Chiunque circola su strada con una macchina agricola che non è

                   stata presentata alla revisione è soggetto alla sanzione

                   amministrativa del pagamento di una somma fino a euro 335

                   al ritiro della carta di circolazione.

                   Tempi e modalità per l'esecuzione della revisione

29.04.2015 E' VIETATALA LA COMBUSTIONE DI RESIDUI VEGETALI

                   Sanzione amministrativa fino a 500,00 euro per chi non

                   osserva la disposizione comunale.

                   Lo smaltimento deve avvenire tramite trasformazione in compost

                   o triturazione con apposite macchine operatrici.

                   Ordinanza del Comune di Asolo

                   Ordinanza del Comune di Monfumo

                   Ordinanza del Comune di Fonte

                   Ordinanza del Comune di Maser

                   Ordinanza del Comune di San Zenone degli Ezzelini

                   Ordinanza del Comune di Possagno

12.03.2015 ABILITAZIONE ALL'USO DEL TRATTORE

                   Chiunque utilizza trattori agricoli e forestali deve essere in

                   possesso di una formazione ed addestramento adeguati e specifici,

                   tali da consentire l’utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e

                   sicuro, anche in relazione ai rischi che possano essere causati ad

                   altre persone.

                   Bisogna pertanto frequentare un corso di formazione tecnico-

                   pratico completo e sostenere una prova di verifica finale per

                   ottenere l'attestato di abilitazione.

                   Tempi e modalità per l'abilitazione